La suggestiva processione dei Misteri 2018 a Molfetta

Nel silenzio della notte, in quel momento di calma prima dell’alba, dall’antica Chiesa di Santo Stefano, i cinque Misteri oscillano lentamente sulle spalle dei confratelli sotto il cielo stellato.
La banda cittadina esegue struggenti marce funebri e accompagna ritmicamente l’uscita dei simulacri.
È la notte tra il Giovedì e il Venerdì Santo e Molfetta vive uno degli eventi più suggestivi dell’anno.
Fino a qualche ora prima, la folla vociante aveva animato la città con la “visita ai Sepolcri”: in ogni chiesa sono stati allestiti i repositori per venerare il corpo di Cristo e la tradizione popolare impone che si visitino questi altari in numero dispari.
La serata è terminata con il consueto pizzarello, ovvero un panino imbottito di tonno, capperi e acciughe mangiato per strada, un pasto veloce e gustoso per poter affrontare la nottata. Per l’occasione in ogni strada della città si allestiscono banchetti per la preparazione di questa leccornia tutta molfettese.
Ora, però, il momento è solenne e una folla partecipe e silenziosa accompagna le statue cinquecentesche in una processione che si snoda prima nel centro storico, poi si allarga alle altre zone della città. I confratelli, con le candele accese e in preghiera, procedono come un sol uomo.

fonte Visit Molfetta